venerdì 8 maggio 2015

L'enigma di Cerere: la sonda Dawn diffonde nuove immagini delle misteriose luci bianche

cerere


Nuove straordinarie immagini inviate dalla sonda della Nasa Dawn, in orbita intorno al pianeta nano Cerere. La missione partita con l'intento di rivelare composizione e peculiarità del grosso "asteroide", si è trasformata in questi mesi in un enigma per gli scienziati. E' successo da quando sono state individuate nella sua superficie delle misteriose macchie bianche, luminose e ben distinte. I due punti sono vicini gli uni agli altri entro 57 miglia di larghezza (92 km), nel cratere che si trova a circa 19 gradi di latitudine nord di Ceres , che è il più grande oggetto nella fascia principale degli asteroidi tra Marte e Giove.

Le nuove immagini -che risalgono a pochi giorni fa, al 14 e al 15 aprile scorsi e diffuse solo ieri- sono state ottenute da un’altezza di circa 22mila km al di sopra del polo nord, e mostrano di nuovo e più chiaramente i due puntini luminosi, per la cui origine e composizione ancora non c'è risposta.
Nuove fotografie ad alta risoluzione si aspettano i primi giorni di Maggio.

A seguire tutte le nuove immagini e ulteriori dettagli.


Le immagini che vedete a seguire sono il primo risultato dell'orbita completa della sonda della NASA attorno a Cerere. La ricognizione ha reso possibile ricostruire la gif animata (in basso a sinistra) che è il risultato della sequenza d’immagini della superficie del pianeta nano. Conclusa la fase di avvicinamento, oggi parte una nuovo step della missione che durerà circa tre settimane, durante il quale la sonda compirà un’orbita circolare a 13mila e 500 km d’altitudine, per poi cominciare a scendere progressivamente. Quando la sonda sarà ad una quota più bassa potrà effettuare immagini più dettagliate, che dovrebbe rilasciare a partire dal 9 maggio 2015.



Sequenza animata immagini, da orbiter Dawn 14-15 aprile 2015 Crediti: NASA, JPL-Caltech, UCLA, MPS, DLR, IDA




Crediti: NASA, JPL-Caltech, UCLA, MPS, DLR, IDA

Soddisfatto il direttore della missione Marc Rayman, del JPL della NASA:

"La campagna di raccolta delle immagini d’avvicinamento si è conclusa con successo, offrendoci una vista preliminare galvanizzante del mondo che Dawn s’appresta a esplorare in dettaglio. E permettendoci di cominciare a porci domande nuove e intriganti".



Intanto -fanno notare gli stessi scienziati- i misteri intorno al pianeta continuano ad aumentare. Non solo le ultime immagini, non hanno chiarito l'enigma delle macchie brillanti, ma ora i ricercatori si interrogano sull'abbondanza di crateri, presenti in quantità tale da domandarsi come si siano formati, e quale ruolo rivesta la morfologia del pianeta nella presenza di quei punti inspiegati, che stanno diventando il centro di un interesse crescente da parte di studiosi e semplici appassionati.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Licenza Creative Commons
Enuma Elish diDario Sumer è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.