lunedì 19 gennaio 2015

Le profezie di San Malachia

Gli scritti di San Malachia sono ritenuti sconvolgenti per le sue profezie che si sono rivelate incredibilmente esatte; ad ogni papa ha accostato una descrizione, e dal 1400 ad oggi la maggior parte delle volte la descrizione si avvicina alla reltà.
 
 


Chi era San Malachia?

Nel corso della storia del nostro pianeta, ci sono stati numerosi profeti e veggenti che cercarono di prevedere il futuro in modo più o meno preciso. Uno dei più importanti, assieme a Nostradamus, è sicuramente San Malachia.
Maelmhaedhoc O'Morgair, questo il vero nome del santo, era un arcivescovo irlandese, nato nella cittadina di Armagh nell’anno 1094. Nel 1139 Si recò da Papa Innocenzo II, che lo nominò legato pontificio per l’Irlanda, durante il suo viaggio in Italia conobbe anche Bernardo di Chiaravalle, che lo ospitò nel suo secondo viaggio che si rivelò fatale per Malachia, infatti morì presso Chiaravalle il 2 novembre 1148. Siccome gli si attribuirono vari miracoli, venne proclamato santo da Papa Clemente III nel 1199.
Benchè sia stato un grande riformatore per la chiesa irlandese, che salvò da un declino che durava da anni (lo paragonarono addirittura a Bonifacio per la Germania), Malachia è diventato famoso soprattutto per le sue profezie papali, che scrisse (o almeno cosi si dice) grazie a delle visioni mistiche che ebbe nel corso del suo primo viaggio in Italia.
 
Le profezie papali

Le profezie sono un elenco di 112 voci, sono per lo più piccole frasi in latino che descrivono ogni papa a partire da Celestino II (1143) e finiscono con Petrus Romanus. Sull’esattezza e l’interpretazione delle frasi di Malachia si è discusso molto, infatti c’è chi dice che non siano nemmeno opera sua perchè furono pubblicate per la prima volta solo nel 1595 da un monaco benedettino, a quasi 500 anni dalla morte di Malachia.
Per capire meglio di cosa si tratta, qui sotto l’elenco completo delle profezie con i relativi papi:





Profezia

Relativo Papa


Ex castro Tiberis

Celestino II (Guido di Città di Castello 1143 - 1144)


Inimicus expulsus

Lucio II (Lucio Caccianemici 1144 - 1145)


Ex magnitudine montis

Eugenio III (Bernardo Paganelli 1145 - 1153)


Abbas Suburranus

Anastasio IV (Corrado della Suburra 1153 - 1154)


De rure albo

Adriano IV (Niccolò Breakspear 1154 - 1159)


Ex tetro carcere

Vittore IV (antipapa) (Ottaviano de' Monticello 1159 - 1164)


Via transtiberina

Pasquale III (antipapa) (Guido da Crema 1164 - 1168)


De Pannonia Thusciae

Callisto III (antipapa) (Giovanni di Strumi 1168 - 1178)


Ex ansere custode

Alessandro III (Rolando Bandinelli 1159 - 1181)


Lux in ostio

Lucio III (Ubaldo Allucignoli 1181 - 1185)


Sus in cribro

Urbano III (Umberto Crivelli 1185 - 1187)


Ensis Laurentii

Gregorio VIII (Alberto Mosca 1187 - 1187)


De Schola exiet

Clemente III (Paolo Scolari 1187 - 1191)


De rure bovensi

Celestino III (Giacinto Orsini dei Borbone 1191 - 1198)


Comes signatus

Innocenzo III (Giovanni Lotario 1198 - 1216)


Canonicus de latere

Onorio III (Cencio Savelli 1216 - 1227)


Avis Ostiensis

Gregorio IX (Ugolino dei Conti di Segni 1227 - 1241)


Leo Sabinus

Celestino IV (Goffredo Castiglioni di Milano 1241 - 1242)


Comes Laurentius

Innocenzo IV (Sinibaldo dei Conti Fieschi 1242 - 1254)


Signum Ostiense

Alessandro IV (Rinaldo dei Conti dei Segni 1254 - 1261)


Hierusalem Campaniae

Urbano IV (Giacomo Troyes Pantaleone 1261 - 1264)


Draco depressus

Clemente IV (Guido le Gros di Saint-Gilles 1265 - 1268)


Anguinus vir

Gregorio X (Tobaldo dei Visconti di Piacenza 1271 - 1276)


Concionator Gallus

Innocenzo V (Pietro di Tarantasia 1276 - 1276)


Bonus Comes

Adriano V (Ottobono dei Conti Fieschi 1276 - 1276)


Piscator Thuscus

Giovanni XXI (Pietro di Giuliani 1276 - 1277)


Rosa composita

Niccol III (Gian Gaetano Corsini 1277 - 1280)


Ex teloneo liliacei Martini

Martino IV (Simone di Brion 1281 - 1285)


Ex rosa leonina

Onorio IV (Jacopo Savelli 1285 - 1287)


Picus inter escas

Niccol IV (Gerolamo di Ascoli 1288 - 1292)


Ex eremo celsus

Celestino V (Pietro Anglerio da Morrone 1294 - 1294)


Ex undarum benedictione

Bonifacio VIII (Benedetto Caetani 1294 - 1303)


Concionator patereus

Benedetto XI (Nicol Bacca-Sini 1303 - 1304)


De fessis aquitanicis

Clemente V (Bertrando di Goth 1305 - 1314)


De sutore osseo

Giovanni XXII (Giacomo Duse 1316 - 1334)


Corvus schismaticus

Niccol V (antipapa) (Pietro Rinalducci 1328 - 1330)


Frigidus Abbas

Benedetto XII (Giacomo Furnier 1334 - 1342)


De rosa Attrebatensi

Clemente VI (Pietro Roger di Beaufort 1342 - 1352)


De montibus Pammachii

Innocenzo VI (Stefano Aubert 1352 - 1362)


Gallus Vicecomes

Urbano V (Guglielmo Grimoard 1362 - 1370)


Novus de virgine forti

Gregorio XI (Ruggero di Beaufort 1370 - 1378)


De cruce Apostolica

Clemente VII (antipapa) (Roberto dei Conti di Ginevra 1378 - 1394)


Luna Cosmedina

Benedetto XIII (antipapa) (Pietro de Luna 1394 - 1417)


Schisma Barchinonium

Clemente VIII (antipapa) (Gil Snchez de Muoz 1423 - 1429)


De inferno praegnanti

Urbano VI (Bartolomeo Prignano 1378 - 1389)


Cubus de mixtione

Bonifacio IX (Pietro Tomacelli 1389 - 1404)


De meliore sydere

Innocenzo VII (Cosma Migliorati 1404 - 1406)


Nauta de Ponte nigro

Gregorio XII (Angelo Correr 1406 - 1415)


Flagellum solis

Alessandro V (antipapa) (Pietro Filargis 1409 - 1410)


Cervus Sirenae

Giovanni XXIII (antipapa) (Baldassarre Cossa 1410 - 1415)


Corona veli aurei

Martino V (Oddone Colonna 1417 - 1431)


Lupa Coelestina

Eugenio IV (Gabriele Condolmer 1431 - 1447)


Amator Crucis

Felice V (antipapa) (Amedeo VIII Principe di Savoia 1440 - 1449)


De modicitate Lunae

Niccol V (Tommaso Parentuccelli 1447 - 1455)


Bos pascens

Callisto III (Alfonso de Borgia 1455 - 1458)


De Capra et Albergo

Pio II (Enea Silvio Piccolomini 1458 - 1461)


De Cervo et Leone

Paolo II (Pietro Barbo 1464 - 1471)


Piscator minorita

Sisto IV (Francesco della Rovere 1471 - 1484)


Praecursor Siciliae

Innocenzo VIII (Giovanni Battista Cybo 1484 - 1492)


Bos Albanus in portu

Alessandro VI (Rodrigo Borgia 1492 - 1503)


De parvo homine

Pio III (Francesco Todeschini 1503 - 1503)


Fructus Jovis juvabit

Giulio II (Giuliano della Rovere 1503 - 1513)


De craticula Politiana

Leone X (Giovanni de' Medici 1513 - 1521)


Leo Florentius

Adriano VI (Adriano Florent di Utrecht 1522 - 1523)


Flos pilei aegri

Clemente VII (Giulio de' Medici 1523 - 1534)


Hiacinthus medicorum

Paolo III (Alessandro Farnese 1534 - 1549)


De corona montana

Giulio III (Giovanni Maria Ciocchi del Monte 1550 - 1555)


Frumentum floccidum

Marcello II (Marcello Cervini 1555 - 1555)


De fide Petri

Paolo IV (Gian Pietro Carafa 1555 - 1559)


Esculapii pharmacum

Pio IV (Giovanni Angelo de'Medici 1559 - 1565)


Angelus nemorosus

Pio V (Michele Ghislieri 1566 - 1572)


Medium corpus pilarum

Gregorio XIII (Ugo Boncompagni 1572 - 1585)


Axis in medietate signi

Sisto V (Felice Peretti 1585 - 1590)


De rore coeli

Urbano VII (Giovan Battista Castagna 1590 - 1590)


Ex antiquitate Urbis

Gregorio XIV (Nicola Sfondrati 1590 - 1591)


Pia civitas in bello

Innocenzo IX (Giovanni Antonio Facchinetti 1591 - 1591)


Crux Romulea

Clemente VIII (Ippolito Aldobrandini 1592 - 1605)


Undosus vir

Leone XI (Alessandro de’Medici 1605 - 1605)


Gens perversa

Paolo V (Camillo Borghese 1605 - 1621)


In tribulatione pacis

Gregorio XV (Alessandro Ludovisi 1621 - 1623)


Lilium et rosa

Urbano VIII (Maffeo Barberini 1623 - 1644)


Jucunditas crucis

Innocenzo X (Giovanni Battista Pamphilj 1644 - 1655)


Montium Custos

Alessandro VII (Fabio Chigi 1655 - 1667)


Sydus olorum

Clemente IX (Giulio Rospigliosi 1667 - 1669)


De flumine magno

Clemente X (Emilio Altieri 1670 - 1676)


Bellua insatiabilis

Innocenzo XI (Benedetto Odescalchi 1676 - 1689)


Poenitentia gloriosa

Alessandro VIII (Pietro Ottoboni 1689 - 1691)


Rastrum in porta

Innocenzo XII (Antonio Pignatelli 1691 - 1700)


Flores circundati

Clemente XI (Giovanni Francesco Albani 1700 - 1721)


De bona religione

Innocenzo XIII (Michelangelo Conti 1721 - 1724)


Miles in bello

Benedetto XIII (Pier Francesco Orsini 1724 - 1730)


Columna excelsa

Clemente XII (Lorenzo Corsini 1730 - 1740)


Animal rurale

Benedetto XIV (Prospero Lambertini 1740 - 1758)


Rosa Umbriae

Clemente XIII (Carlo Rezzonico 1758 - 1769)


Ursus velox

Clemente XIV (Lorenzo Ganganelli 1769 - 1774)


Peregrinus apostolicus

Pio VI (Giovanni Angelo Braschi 1775 - 1799)


Aquila rapax

Pio VII (Gregorio Barnaba Chiaramonti 1800 - 1823)


Canis et coluber

Leone XII (Annibale della Genga 1823 - 1829)


Vir religiosus

Pio VIII (Francesco Saverio Castiglioni 1829 - 1830)


De balneis Ethruriae

Gregorio XVI (Bartolomeo Alberto Cappellari 1831 - 1846)


Crux de cruce

Pio IX (Giovanni Maria Mastai-Ferretti 1846 - 1878)


Lumen in coelo

Leone XIII (Gioacchino Pecci 1878 - 1903)


Ignis ardens

Pio X (Giuseppe Sarto 1903 - 1914)


Religio depopulata

Benedetto XV (Giacomo Della Chiesa 1914 - 1922)


Fides intrepida

Pio XI (Achille Ratti 1922 - 1939)


Pastor angelicus

Pio XII (Eugenio Pacelli 1939 - 1958)


Pastor et nauta

Giovanni XXIII (Angelo Roncalli 1958 - 1963)


Flos florum

Paolo VI (Giovanbattista Montini 1963 - 1978)


De medietate Lunae

Giovanni Paolo I (Albino Luciani 1978 - 1978)


De labore solis

Giovanni Paolo II (Karol Wojtyla 1978 - 2005)


Gloria olivae

Benedetto XVI (Joseph Ratzinger 2005 - )


Petrus Romanus

?


La lista si conclude con Petrus Romanus, a cui Malachia non dedica una breve frase ma una più ampia descrizione:

"In persecutione extrema sacrae romanae ecclesiae sedebit Petrus romanus, qui pascet oves in multis tribulationibus; quibi transactis, civitas septis collis diruetur, ed Judex tremendus judicabit populum suum. Amen."

Tradotto:

"Durante l'ultima persecuzione della Santa Romana Chiesa, siederà Pietro il romano, che pascerà il suo gregge tra molte tribolazioni; quando queste saranno terminate, la città dai sette colli sarà distrutta, ed il temibile giudice giudicherà il suo popolo. E così sia."

Di questa ultima profezia ce ne occuperemo dettagliatamente pi avanti…


Coincidenze



Di tutte queste profezie papali ce ne sono alcune che sembrano sorprendentemente combaciare con la realtà, in qualche occasione le frasi di Malachia si adattano quasi alla perfezione al vero papa eletto, qui di seguito alcuni esempi:


Celestino II - Ex castro tiberis, il papa poi eletto fu Guido da Città di Castello, una cittadina umbra sulle rive del fiume Tevere, infatti la traduzione “dal castello sul Tevere”.


Lucio II - Inimicus expulsus, il nemico espulso, il papa si chiamava Lucio Caccianemici


Eugenio III - Ex magnitudine montis, il papa proveniva da Montemagno, la traduzione dal latino letteralmente “dal grande monte”.


Celestino V - Ex eremo celsius, "elevato da un eremo"; Papa Celestino V era un eremita.


Giulio III - De corona montana, si chiamava Giovanni Maria Chiocchi del Monte e il suo stemma raffigurava due corone.


Gregorio XXII - Nauta de Ponte Nigro, era cardinale di Negroponte e “nauta” l’espressione usata da Malachia per indicare i papi provenienti da Venezia, nota città di mare, Gregorio XII era infatti di Venezia. Questo fatto di Venezia ci tornerà utile più in là…

Questi sono alcuni esempi delle interpretazioni di Malachia, scorrendo la lista e decifrando tutte le frasi, accostandole al papa poi nominato, si nota che in quasi tutte le frasi c’è qualcosa che combacia con la realtà, dare qui nel sito tutte le interpretazioni sarebbe troppo lungo, ma ho trovato sul web chi lo ha già fatto, posto il link:

http://web.tiscali.it/ky/malachia_papi.htm

Proviamo a vedere cosa succede con i papi eletti successivamente al 1600, cioè dopo la pubblicazione degli scritti di Malachia da parte del presunto falsario, sempre alcuni esempi:


Pio VII - Aquila rapax, "aquila ladra". Papa Pio VII fu rapito da Napoleone, il cui stemma era un'aquila.


Gregorio XVI - De Balnei Etruriae, il papa era camaldolese, un ordine nato nella antica terra dell’etruria, il cui nome romano era “Balneis”.


Benedetto XV - Religio depopulata. Il suo pontificato avvenne tra il 1914 e il 1922, proprio durante la prima guerra mondiale, dove molte persone morirono, e ci fu un forte calo demografico.


Pio XII - Pastor Angelicus, ad Eugenio Pacelli spettava il difficile compito di essere il papa che doveva fare da pastore durante la ricostruzione post bellica, e quindi essere come un angelo protettore. Dopo la sua morte gli fu dedicato un film dal titolo “pastor angelicus”.


Giovanni XIII - Pastor et Nauta, prima di venire eletto papa, era patriarca di Venezia. E sappiamo che Nauta stava ad indicare proprio che il papa predetto veniva da Venezia (vedi Gregorio XII). Nauta la traduzione di marinaio, e dove ci sono più marinai di Venezia?


Giovanni Paolo I - De Medietate Lunae; Il tempo di una luna…cioè un mese, sappiamo tutti che il pontificato di Albino Luciani durò esattamente 33 giorni…incredibile!


Personalmente certe cose mi hanno proprio sconvolto, da notare soprattutto Giovanni Paolo I e il fatto di Giovanni XIII e Gregorio XII, a cui fu attribuito l’aggettivo “nauta” ed entrambi provenivano da Venezia, solo una coincidenza?
Venendo ai giorni nostri, Papa Benedetto XVI è definito come “De Gloria Olivae”, molti sono convinti che il termine Olivae derivi dall’ordine dei benedettini, detti anche “olivetani”, inoltre Joseph Ratzinger nato sabato 16 aprile 1927, era il giorno di pasquetta e tutti sappiamo che la Pasqua ha come simbolo un ramoscello di ulivo, a dir poco sorprendente.
 
La profezia Finale

"Durante l'ultima persecuzione della Santa Romana Chiesa, siederà Pietro il romano, che pascerà il suo gregge tra molte tribolazioni; quando queste saranno terminate, la città dai sette colli sarà distrutta, ed il temibile giudice giudicherà il suo popolo. E così sia."

La frase di Malachia non è di certo incoraggiante, descrive uno scenario dove i fedeli “triboleranno” e Petrus Romanus avrebbe il compito di guidare il suo gregge verso una sorta di giudizio finale. La città dei sette colli è indubbiamente Roma, dove sappiamo tutti ha sede il Vaticano e quindi il potere centrale della chiesa, questo ci fa pensare che potrebbero essere solo la chiesa e i suoi fedeli ad essere perseguiti, e ad essere distrutta potrebbe essere solo Roma.
Nella profezia infatti non si parla di vera e propria fine del mondo, è tutto molto vago e ci sono varie ipotesi a riguardo. Secondo Malachia, quello attuale dovrebbe essere l’ultimo papa prima di “Petrus Romanus”; non viene chiarito se tra l’ultimo papa e quello attuale ce ne siano altri in mezzo, comunque Petrus Romanus dovrebbe essere l’ultimo papa della chiesa, che sia per causa della fine del mondo, per causa della fine della chiesa o per causa di una qualsiasi altra cosa non è dato saperlo.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Licenza Creative Commons
Enuma Elish diDario Sumer è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.