lunedì 23 giugno 2014

Nuove prove dell’esistenza dell’elemento 115. Bob Lazar aveva ragione?

7bb35462d9b429c7761031b859db6f38_article 



Un gruppo di scienziati ha presentato nuove prove dell’esistenza di un nuovo elemento chimico super-pesante che ha il numero atomico 115. Per essere riconosciuto ufficialmente, l’Ununpentio entrerà nella tavola periodica.

I ricercatori dell’Università di Lund, in Svezia, che hanno pubblicato i loro risultati in ‘The Physical Review Letters‘, hanno spiegato che il nome di Ununpentio (Uup) è solamente provvisorio ed è dovuto semplicemente al numero atomico dell’elemento sintetico.

“È stato un esperimento di grande successo e uno dei più importanti in questo campo negli ultimi anni“, ha dichiarato Dirk Rudolph, professore della divisione di fisica atomica all’Università di Lund.

I risultati confermano precedenti misurazioni effettuate da gruppi di ricerca in Russia, in particolare presso l’Istituto Centrale di Ricerche Nucleari di Dubna.

I ricercatori sono stati capaci di rilevare l’elemento 115 mediante la ricerca di un segno distintivo nella radiazione di raggi X che questo rimandava.

A causa della sua breve esistenza (alcune frazioni di secondo), gli esperti hanno concordato sul fatto che gli usi pratici di questo elemento super-pesante sono abbastanza limitati.

I nuovo elementi sono stati valutati dai membri dall’Unione Internazionale di Chimica Pura e Applicata e dell’Unione Internazionale di Fisica Pura e Applicata.

Nel 2011 vennero approvati i nomi di tre nuovi elementi con numero atomico 110, 111 e 112. Questi sono stati chiamati Darmstadtio (Ds), Roentgenio (Rg) e Copernicio (Cn).

Il più recente elemento approvato è stato il Livermorio (Lv), che ha il numero atomico 116 e il cui nome fu concesso nel mese di maggio del 2012.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Licenza Creative Commons
Enuma Elish diDario Sumer è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.